Se non visualizzi correttamente questa email clicca qui

Newsletter n. 18

Gli investitori stranierei premiano gli sforzi di riforma dell’Italia

L’indice di fiducia per gli investimenti esteri diretti in Italia (FDI) AT Kearney 2018 è al primo posto tra le prime dieci destinazioni di investimento. L’Italia è salita di tre posizioni rispetto alla classifica dello scorso anno, alcuni anni fa non era nemmeno inclusa nell’Indice.

L’investimento estero, nella sua definizione più ampia, è infatti salito in Italia: le multinazionali hanno investito in progetti green / brownfield (Audi a Modena, GE a Torino, Hitachi in Toscana / Sud Italia, Novartis vicino a Napoli); i fondi istituzionali sono tornati sui mercati azionari e obbligazionari italiani; i fondi alternativi stanno aumentando le attività in Italia.

Sul fronte immobiliare il 2017 è stato un anno record. Gli investimenti complessivi in commercial real estate hanno superato 11,3 miliardi di euro, in crescita del 18% rispetto al 2016, con gli investitori stranieri che hanno realizzato più del 50% delle transazioni. E, sebbene il primo trimestre 2018 sia in rallentamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il volume di investimenti (1,5 miliardi di euro) è superiore alla media a 5 e a 10 anni dei primi trimestri dell’anno.

Questo non è accaduto per caso. A partire da “Destinazione Italia”, un piano completo adottato nel 2013 per attirare investimenti esteri, i governi italiani hanno lavorato sodo per migliorare l’ambiente imprenditoriale del Paese. Un ambiente imprenditoriale migliore attrae investitori esteri e rappresenta una spinta per le aziende italiane: ciò che è positivo per gli investitori internazionali è positivo per gli imprenditori italiani.

Lo sforzo ha fatto parte di un programma di riforme strutturali che ha portato a una revisione del mercato del lavoro, a una riforma del settore bancario, alla modernizzazione del sistema di amministrazione fiscale e ad altre iniziative chiave. Tutte queste misure sono state implementate come parte di un quadro di politica fiscale che è in linea con le regole europee e gli impegni dell’Italia e ha consentito al governo di ridurre, anche se solo leggermente, le tasse, in particolare le imposte societarie, come il cuneo fiscale sul lavoro e l’aliquota dell’imposta sulle società passata dal 27,5 al 24%.

Invimit lancia le Silver Houses in Italia Novità
Si chiama “Silver House” il nuovo progetto avviato da Invimit in tutto il territorio nazionale, a meno di un mese dell’istituzione del fondo “i3...
La propensione ad acquistare casa è più marcata tra i giovani Nuovi trend
La propensione ad acquistare un’abitazione (intesa come famiglie che hanno intenzione di acquistare un’abitazione e che si stanno già muovendo) risulta più marcata tra...
Ice mette all’asta un immobile a Firenze per 940mila euro Opportunità
L'ICE – Agenzia per la Promozione all’estero e l’Internazionalizzazione delle imprese italiane - ha avviato una nuova procedura di asta pubblica per la vendita...
Censimento Mef: il valore stimato degli immobili pubblici è di 283 miliardi di euro Studi
Il valore patrimoniale dei fabbricati pubblici censiti dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, circa 1 milione di unità catastali, è stimato in 283 miliardi...
UniCredit cede due asset immobiliari a Milano Deals
Colliers International Italia ha assistito il Fondo Pensione Unicredit nella cessione di due immobili cielo terra a Milano, destinati ad uso direzionale. I due...
Copyright© - ICE - Italian Trade Agency - Partita IVA: 12020391004, All rights reserved.

Il nostro indirizzo:
Italian Trade Agency - Via Liszt, 21 - Roma, Rm 00144 - Italy
realestate@ice.it

Annulla Iscrizione