/

Sviluppo urbano, Parma guarda al modello Lione

Pubblicato: 30 agosto 2018

Parma è città creativa Unesco per la gastronomia e sarà Capitale della Cultura nel 2020.

Ha investito più di 60 milioni per recuperare aree in abbandono che troveranno nuova identità attraverso musica, arte e cibo e ha messo in moto una strategia che riguarda sette distretti socio-culturali.

Guardando al futuro, la città punta sulla cultura, come leva per attrarre investitori e turisti, e per migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini.

È un’operazione di city-branding che guarda a Lione come modello di riferimento, città che ha investito e migliorato il suo appeal per aziende legate al farmaco e all’agroalimentare, tradizioni culturali.