Siete già iscritti? /

Capua (CE) – Bastione Gran Maestrato

Venduto

Il compendio è parte della cinta muraria Bastionata della città di Capua ed è una ex polveriera di circa m² 500 insistente su un'area esterna di circa m² 15.000.

Via San Maestrato San Lazzaro, 81043 - snc Capua (CE)

Dettagli

Tipologie immobile
Caserma
Funzioni ammesse
Turistico ricettivo
Superficie territoriale (m²)
15.000 m²
SLP Totale (m²)
GLA totale
Anno di costruzione
1800
Stato manutentivo
Da valorizzare
Stato occupazionale
Libero

Il compendio fa parte della cinta muraria Bastionata della città di Capua, la cui costruzione fu avviata tra 1537 e il 1552 per adeguare la struttura difensiva della città.
Col viceregno austriaco, agli inizi del settecento, Jean Antoine d’Herbort progettò un ulteriore potenziamento dell’impianto difensivo, creando le “flescie” collegate alla cinta bastionata, un ulteriore bastione e due polveriere, una di queste è appunto in Via San Maestrato San Lazzaro
Le mura bastionate capuane, insieme ai fossati, erano la base del sistema difensivo della città di Capua. La costruzione è costituita da una ex polveriera di circa m² 500 insistente su un’area esterna di circa m² 15.000.
La polveriera di San Maestrato è la prima delle due polveriere costruite a Capua – in coincidenza con la razionalizzazione della fortificazione urbana e di tutto il sistema difensivo, eseguita dopo la presa di possesso da parte dei vicerè austriaci – fu questo edificio costruito presso il Monastero delle Dame Monache, in un’area considerata la meno esposta. Dovuta a Gabriele Montani, tenente colonnello e ingegnere maggiore del regno, e costruita negli anni 1715-21, essa è costituita da un ampio recinto rettangolare con un unico accesso, nel quale, quasi completamente incassato rispetto alla quota del terreno circostante, sorge il massiccio rettangolo del vero e proprio deposito coperto da volta a botte, completato da un tetto a falde fortemente spioventi.
Due doppie porte, simmetricamente disposte al centro dei lati brevi, isolavano l’interno anche dall’umidità, mentre tre finestre per lato ne garantivano l’illuminazione naturale e l’areazione. Attigua è la copertura della rampa di scale che raggiungeva l’ampio scantinato, anch’esso destinato alla munizione. Realizzato interamente in tufo e mattoni, con mura di circa due metri di spessore ed una forte cornice di coronamento sui lati lunghi, l’edificio, per la datazione, è tra gli episodi di maggiore interesse per la storia dell’architettura militare del tempo.
La costruzione, abbandonata ed inaccessibile, perchè ricoperta di vegetazione, è in attesa del necessario restauro. Questo compendio è stato inserito nel 2017 nel progetto comunale “Cammini e Percorsi” promosso dall’Agenzia del Demanio e volto a valorizzare immobili di valore storico in stato di abbandono. Il comune di Capua è attualmente impegnato nella redazione del PUC.

Il compendio è parte della cinta muraria Bastionata della città di Capua.
L’area è ubicata in pieno centro storico della città di Capua, tra via Tifanina e la rotatoria di Corso Appio, Via Napoli e Via Palasciano ed è nei pressi della strada Statale Appia da cui è possibile raggiungere facilmente le più importanti via di comunicazione come ad esempio la rete autostradale, più precisamente la A24.
Nei pressi dell’area scorre il fiume Volturno .

Piano terra
250 m²
Piano primo
250 m²

Il compendio è parte della cinta muraria Bastionata della città di Capua ed è una ex polveriera di circa m² 500 insistente su un'area esterna di circa m² 15.000.

Questo immobile fa parte del progetto:

Via San Maestrato San Lazzaro, 81043 - snc Capua (CE)

Contatto

ICE - Italian Trade Agency

Richiedi informazioni

Pianta principale

Capua (CE) – Bastione Gran Maestrato Pianta principale